Dr. des. Vincenzo Vitale

 

Assistente di Letteratura Italiana


Indirizzo: Maiengasse 51, 4056 Basilea
Ufficio: 322
Telefono: +41 (0)61 207 12 72
E-mail: Vincenzo.Vitale@unibas.ch
Orario di ricevimento: su appuntamento




Campi di ricerca

 
Letteratura italiana del Quattrocento, del Cinquecento e del Novecento, in particolare Masuccio Salernitano, Jacopo Sannazaro e Carlo Emilio Gadda; Dante; commento della prosa narrativa; testi di dedica; teoria della letteratura; rapporto tra opera letteraria e arti figurative.

 

Profilo

 

Vincenzo Vitale ha studiato Lettere moderne, Italianistica e Filosofia nelle Università di Salerno, Salisburgo e Basilea. Nel maggio 2013 ha conseguito il Master in Italianistica e Filosofia all’Università di Basilea con una tesi pubblicata con il titolo All’ombra del lauro. Allegorie di scrittura nel ‘Pasticciaccio’ di Gadda (Roma, Carocci, 2015). Nel dicembre 2017 ha conseguito il dottorato di ricerca in Letteratura italiana con una tesi diretta da Maria Antonietta Terzoli dal titolo Secondo i precetti della perfetta amicizia: studio sull’origine del ‘Novellino’ di Masuccio. Dal gennaio 2012 all’agosto 2015 ha collaborato al progetto del Fondo Nazionale Svizzero per il commento integrale al Pasticciaccio di Carlo Emilio Gadda (Roma, Carocci, 2015). Dall’agosto 2013 è assistente di Letteratura italiana all’Università di Basilea. Fa parte della redazione della rivista on-line “Margini. Giornale della dedica e altro” http://www.margini.unibas.ch/web/it/content/journal_ausgaben.html

 

Pubblicazioni

 

Libri

  • All’ombra del lauro. Allegorie di scrittura nel ‘Pasticciaccio’ di Gadda, Premessa di M. A. Terzoli, Roma, Carocci, 2015, 200 pagine.

 

Saggi

  • La «muta pittura» della ‘Parte prima’ delle ‘Rime’ di Tasso, in Dialoghi – Rispecchiamenti – Trasformazioni, Dante e le arti figurative, a cura di M. A. Terzoli e S. Schütze, Berlin, De Gruyter, 2018 (in corso di stampa).
  • L’impero di Alfonso nella ‘Commedia aragonese’: per una nuova ipotesi di datazione del ‘Paradiso’, in Dante visualizzato. Le carte ridenti II: XV secolo, prima parte, Franco Cesati, 2018 (in corso di stampa).
  •  «Se tu segui tua stella»: postille sugli Argonauti di Dante, in «Le tre corone», V, 2018, pp. 89-112.
  •   Il vello d’oro e l’agnello di Dio nel ‘Paradiso’ di Dante, in «Bollettino di italianistica», 2017, 2, pp. 38-61.
  •  Il braccio falso di Antonello Petrucci nella quarta novella del ‘Novellino’ di Masuccio, in «Versants», LXIV, 2017, 2, fascicolo italiano, pp. 1-9.
  • Dottor Pontano e fra Pontano nella terza novella del ‘Novellino’ di Masuccio, in «Studi e problemi di critica testuale», XCIV, 2017, 1, pp. 21-49.
  • «Poca favilla gran fiamma seconda»: appunti sugli Argonauti di Dante II, in «Giornale storico della letteratura italiana», CXXXIV, 2017, 646, pp. 161-85.
  • «Poca favilla gran fiamma seconda»: appunti sugli Argonauti di Dante I, in «Giornale storico della letteratura italiana», CXXXIV, 2017, 645, pp. 1-37.
  • Il San Griffone di Masuccio e la ‘Commedia aragonese’, in Dialoghi - Rispecchiamenti - Trasformazioni, Dante e le arti figurative, a cura di M. A. Terzoli e S. Schütze, Berlin, De Gruyter, 2016, pp. 137-62.
  • Natura e arte nell’‘Arcadia’ di Sannazaro, in «Strumenti critici», XXX, maggio-agosto 2015, 2, pp. 333-58.
  • L’epistola dedicatoria della summontina come finale dell’‘Arcadia’ di Sannazaro, in «Margini. Giornale della dedica e altro», VIII, 2014, 27 pagine http://www.margini.unibas.ch/web/rivista/numero_8/saggi/articolo1/vitale.html.

       

  • Issa vegg’io un liquido topazio, o della microscopia di un pronome, in Un meraviglioso ordegno. Paradigmi e modelli nel ‘Pasticciaccio’ di Gadda, a cura di M. A. Terzoli, C. Veronese e V. Vitale, Roma, Carocci, 2013, pp. 249-286.

Commenti

  • M. A. Terzoli, Commento a ‘Quer pasticciaccio brutto di via Merulana, con la collaborazione di V. Vitale, Roma, Carocci, 2015.

 

Curatele

  • Un meraviglioso ordegno. Paradigmi e modelli nel ‘Pasticciaccio’ di Gadda, a cura di M. A. Terzoli, C. Veronese e V. Vitale, Roma, Carocci, 2013, 342 pagine + 28 tavv.